Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.

Papa Francesco parla del valore intangibile della vita umana, della cura dei malati nelle fasi critiche e terminali

 

Il Papa: una società è “civile” se combatte la “cultura dello scarto"

Ricevendo la Congregazione della Dottrina della Fede, riunita in Assemblea Plenaria, Papa Francesco parla del valore intangibile della vita umana, della cura dei malati nelle fasi critiche e terminali e della necessità di riscrivere la “grammatica” del farsi carico e del prendersi cura della persona sofferente


Benedetta Capelli – Città del Vaticano

Una società che sta erodendo la consapevolezza di ciò che rende preziosa la vita. Le parole di Papa Francesco alla plenaria della Congregazione della Dottrina della Fede, dedicata alla cura delle persone nelle fasi critiche e terminali della vita, sono la fotografia del contesto socio-culturale che stiamo vivendo. Un contesto nel quale proprio la vita – sottolinea il Pontefice - viene valutata solo in nome dell’utilità mentre vengono meno i “doveri inderogabili della solidarietà e della fraternità”. Il Papa si sofferma sui malati in fase terminale e sull’urgenza di “convertire lo sguardo del cuore” alla luce della compassione. Sottolinea il bene che fanno gli hospice dove si pratica la “terapia della dignità”. Francesco esorta poi a proseguire con fermezza lo studio circa la revisione delle norme sui delicta graviora, contenute nel Motu proprio “Sacramentorum sanctitatis tutela” di Giovanni Paolo II, per procedere sulla strada della trasparenza e del rispetto della dignità dei più piccoli. (Ascolta il servizio con la voce del Papa)

Il valore intangibile della vita

“Vite scartate”, “vite indegne” perché non rispondono al criterio di utilità. La società di oggi usa questo metro e smarrisce – spiega il Papa – “ciò che rende preziosa la vita umana”. “In questa situazione di perdita degli autentici valori, vengono meno – afferma – anche i doveri inderogabili della solidarietà e della fraternità umana e cristiana”.

“In realtà, una società merita la qualifica di “civile” se sviluppa gli anticorpi contro la cultura dello scarto; se riconosce il valore intangibile della vita umana; se la solidarietà è fattivamente praticata e salvaguardata come fondamento della convivenza”

La dottrina, una realtà dinamica

Ringraziando la Congregazione della Dottrina della Fede per il servizio alla Chiesa, Francesco sottolinea che “la fede esige che si tenga conto del suo destinatario, che lo si conosca e lo si ami fattivamente”.

La dottrina cristiana non è un sistema rigido e chiuso in sé, ma nemmeno un’ideologia che muta con il passare delle stagioni; è una realtà dinamica che, rimanendo fedele al suo fondamento, si rinnova di generazione in generazione e si compendia in un volto, in un corpo e in un nome: Gesù Cristo Risorto.

La “grammatica” della cura

Soffermandosi sul momento in cui “la malattia bussa alla porta della nostra vita”, il Papa ricorda quanto sia importante la compassione, "un ritornello" nel Vangelo, e la presenza di qualcuno che ci tenga la mano, un Buon Samaritano, una “piattaforma umana di relazioni” che aprano alla speranza, balsamo per alleviare lo “sconforto emotivo” e l’“angoscia spirituale”. “Non abbandonare mai nessuno – sottolinea Francesco – in presenza di mali inguaribili. La vita umana, a motivo della sua destinazione eterna, conserva tutto il suo valore e tutta la sua dignità in qualsiasi condizione, anche di precarietà e fragilità, e come tale è sempre degna della massima considerazione”.

Il tema della cura dei malati, nelle fasi critiche e terminali della vita, chiama in causa il compito della Chiesa di riscrivere la “grammatica” del farsi carico e del prendersi cura della persona sofferente. L’esempio del Buon Samaritano insegna che è necessario convertire lo sguardo del cuore, perché molte volte chi guarda non vede. Perché? Perché manca la compassione. Senza la compassione, chi guarda non rimane implicato in ciò che osserva e passa oltre; invece chi ha il cuore compassionevole viene toccato e coinvolto, si ferma e se ne prende cura.

La terapia della dignità

“Chi nel cammino della vita ha acceso anche soltanto una fiaccola nell’ora buia di qualcuno non è vissuto invano”: Francesco cita Santa Teresa di Calcutta per disegnare “lo stile della prossimità e della condivisione”, “rendendo più umano il morire”. Un compito importante che oggi svolgono gli hospice.

A tale riguardo, penso a quanto bene fanno gli hospice per le cure palliative, dove i malati terminali vengono accompagnati con un qualificato sostegno medico, psicologico e spirituale, perché possano vivere con dignità, confortati dalla vicinanza delle persone care, la fase finale della loro vita terrena. Auspico che tali centri continuino ad essere luoghi nei quali si pratichi con impegno la “terapia della dignità”, alimentando così l’amore e il rispetto per la vita.

Rigore e trasparenza

Il Pontefice esprime apprezzamento per lo studio intrapreso dal dicastero vaticano circa la revisione delle norme sui delicta graviora, contenute nel Motu proprio “Sacramentorum sanctitatis tutela” di San Giovanni Paolo II. Un impegno che si colloca nella direzione di un aggiornamento della normativa per rendere più efficaci le procedure, alla luce delle nuove situazioni e problematiche dell’attuale contesto socio-culturale.

Vi esorto a proseguire con fermezza in questo compito, per offrire un valido contributo in un ambito in cui la Chiesa è direttamente coinvolta a procedere con rigore e trasparenza nel tutelare la santità dei Sacramenti e la dignità umana violata, specialmente dei piccoli.

Infine Francesco si congratula per il documento elaborato dalla Pontificia Commissione Biblica circa i temi fondamentali dell’antropologia biblica che approfondisce “una visione globale del progetto divino, iniziato con la creazione e che trova il suo compimento in Cristo, l’Uomo nuovo”, “la chiave, il centro e il fine di tutta la storia umana”.

FONTE: vaticannews.va

E' online il nuovo sito web HDC!

nuovo sito web HDC 

Health Dialogue Culture

Vuole contribuire all'elaborazione di una antropologia medica che si ispira ai principi contenuti nella spiritualità dell'unità, che anima il Movimento dei Focolari e alle esperienze realizzate in vari Paesi in questo campo.


 

Downloads - Diverse lingue

Facebook I Segue

Eventi 2020

United World Project

AMU

Cerca

Potrebbe interessarti anche